Ciao, non scrivi più niente nel tuo blog?

colonnata

All’improvviso, così come un raggio di sole a Milano, giunge il messaggio nella casella di posta in arrivo. E’ da tanto che ci penso. Inevitabile il sovrapporsi di immagini. Ripercorro i suoni delle sale prove e degli angusti spazi in cui si andava ai concerti. Odore di fumo. E pensare che adesso lo odio. Colori. Ce n’erano tanti! Le mani sul granito, i viaggi sulle alpi apuane, nelle cave di marmo. La tuta da meccanico, gli scalpelli infilati nelle tasche e la mazza appesa all’asola. Pur vivendo in un mondo black&white ma tridimensionale, i miei colori eravate voi amici. Non potevo esimermi dal proseguire questo mio blog. Grazie.

Pubblicato in luoghi | Commenti disabilitati su Ciao, non scrivi più niente nel tuo blog?

Vivre sa vie [cit.]

vivre sa viePrimo quadro. La solitudine, ti porta a sorridere indistintamente a tutto il mondo; la paura di convivere solamente con te stessa per un attimo in più del dovuto, bussa alle tue spalle e bisbiglia “dai!”. E’ buffo come tutte le coppie intorno ti sembrino tristi. Pensi di poter analizzare tutti quelli che incrociano il tuo sguardo e che tutti siano falsi. Li usi, sfrutti i tuoi sorrisi per sentirti attraente e nello stesso tempo disprezzi gli amanti che sfiori sul tuo cammino. Sei cosciente.

Secondo quadro. Ti rivedi negli sguardi vuoti delle donne sole, in quei sorrisi che tradotti malamente, potrebbero dire “sono felice e sto bene”. Ti soffermi sulla ridicolaggine di quegli atteggiamenti un po’ sfrontati e ti accorgi di quanta fragilità ci sia dietro. Al contrario del primo quadro, non disprezzi.

Cambia, lo stato delle cose.

Pubblicato in Pensieri, parole... | Commenti disabilitati su Vivre sa vie [cit.]

Verde

blog mau pallaIl colore dei campi su cui hai giocato. E verde dovrebbe ancora essere. Desiderio di trasmettere esperienza e pathos a chi ha deciso di calpestare la tua stessa erba. Assimilare nuove nozioni per ripartire più forti. Perseveranza. Ho voglia di seguire questo tuo percorso. Dall’altra parte della barricata – quella invisibile agli occhi. Forza!

Pubblicato in Pensieri, parole... | Commenti disabilitati su Verde

Sei.

Punti. Infiniti incontri. Ogni spazio è un tuo abbraccio. Ogni bacio una tangente, il cuore la curva. Anche gli attimi assenti sono senza attesa.  Sei.

Pubblicato in Pensieri, parole... | Commenti disabilitati su Sei.

Persistenze.

Quelle stradine bianche. Polverose. Stradine aride che disegnano intere colline. Minerali e sole. Verde. Bianco. Blu. Viola. Sapere che ciò che vedi lì, tra un po’ di anni lo avrai davanti ai tuoi occhi, in un contenitore di cristallo. Profumi che pervadono le narici. Persistenze. Emozioni davanti a un territorio amato. Cammini tra i filari e vorresti abbracciare tutto questo. Le cantine. Il legno che continua a lottare con l’acciaio. La vita del vino è tutta nel tuo calice, nei tuoi calici. Lui si racconta. Ascoltalo in silenzio.

Pubblicato in Pensieri, parole... | Commenti disabilitati su Persistenze.

Questione di traiettorie

Stesso obiettivo. Diverse traiettorie. Istintivamente tiri dritto, compi il percorso più breve e possibilmente anche il meno complicato, ti lanci in volo e fai meta. Ecco l’obiettivo comune. Amo volteggiare e percorrere linee sinuose, linee curve, quelle stesse traiettorie immaginarie che trovi sul pavimento di una milonga. Tutto dura più a lungo. Il piacere di averti accanto non svanisce. E’ continuo. I gesti accompagnano questo percorso sinuoso. Gli sguardi sottolineano l’attimo. Meraviglioso presente.

Pubblicato in Pensieri, parole... | Commenti disabilitati su Questione di traiettorie

Plum Cake

Aspetto. E il profumo pervade l’aria. La mia mano sul tuo viso, i tuoi occhi chiusi stanno riposando. Le finestre sono aperte, si sente cinguettare: la nostra Milano. Ti guardo e mi viene voglia di ricoprirti di baci, un po’ come il cioccolato avvolge il gelato alla vaniglia. Il nuovo tattoo è proprio “tuo”. Il respiro diventa profondo, e, tu dormi. Ti amo.

Pubblicato in Pensieri, parole... | Commenti disabilitati su Plum Cake

forza e distrazione

A volte loro sgorgano proprio quando non vorresti. Davanti a persone a cui fanno male. Persone che, pur di non sapere altro per non soffrire ancora, scappano. Già. I loro occhi dicono tutto, le loro parole non sono indispensabili. Per questo dico grazie. Capisco. Ed è sempre pensando a questo vissuto che trovo forza e distrazione. Oltre ad avere accanto te, amore mio.

Pubblicato in Pensieri, parole... | Commenti disabilitati su forza e distrazione

la macchina fotografica

Partirei. Luoghi da conoscere. Da dividere con te. Galoppa il pensiero. La mente è come un otturatore, si apre ed entra luce. Quante foto nella mia testa! Vorrei ancora la mia camera oscura. Luce rossa. Impressioni su carta. Bacinelle e mollette. Fili su cui stendere il mio mondo. Ancora poco e si parte: insieme. Conoscere attraverso il viaggio. I tuoi sorrisi.

Pubblicato in luoghi | Commenti disabilitati su la macchina fotografica

Verba volant

Manca qualcosa. Non ascoltano. Ho sbagliato, ma non capisco dove. Non ho il libretto di istruzioni: non faceva parte della dotazione della sala parto. Allora, cerchi con le paròle di spiegarti per far sì che le mani facciano altro. Le mie paròle sono volanti, come i tappeti trasportano sogni e utopie. L’utopia finirà di essere tale, quando coloro che non ascoltano adesso, un giorno avranno considerazione per le idee altrui.

Pubblicato in Pensieri, parole... | Commenti disabilitati su Verba volant